Per capire in chi è bene riporre fiducia

Il Terapista in ambito musicale è un diplomato in Musicoterapia, che ha svolto un rigoroso percorso formativo, abbia effettuato un adeguato tirocinio supervisionato e, dopo il superamento di tutti gli esami richiesti, abbia svolto e discusso una tesi. Solo così possiederà le competenze e le tecniche adeguate ad affrontare i diversi casi e le diverse situazioni rendendo la musica una reale forma di terapia. Importante ovviamente è anche il fatto di possedere un attitudine di amorevolezza e disponibilità all’ascolto, caratteristiche indispensabili per svolgere al meglio questa professione. Il professionista, che utilizza la musica appunto a scopi terapeutici in contesti individuali o di gruppo, non lavora “solo” ma è parte di una equipe multidisciplinare con la quale si confronta durante tutto il percorso di presa in carico della persona/del gruppo e delle famiglie.
Il mio è stato un percorso di studi meraviglioso che mi ha permesso di vedere nella musica una risorsa preziosissima per me stessa e per gli altri (persone con disagi psicofisici e non), una maniera di guardare il musicale ben oltre i rigidi schemi impartiti per anni in Conservatorio (pur sempre molto utili come bagaglio da cui partire),una musica in cui la spontaneità, la libertà di espressione ed anche l’errore diventano una risorsa una strada verso il miglioramento.
(Un caro saluto ai miei compagni di viaggio).

Share This